FANDOM


Mara
Mara
Nome Mara
Sesso Femmina
Razza Signore dei Titani
Abilità Buona combattente corpo a corpo
Grandi poteri magici
Affiliazioni Sommersi, servitori
Guerrieri, servitori
Guardiani, servitori
Leviatani, servitori
Prima apparizione Risen 2
Ultima apparizione Risen 2
Doppiatore Emma Tate

Mara era una dei Signori dei Titani e l'antagonista principale di Risen 2: Dark Waters. Come gli altri Signori, dispone di grandi poteri magici ed è in grado di generare e sottomettere al suo volere una vasta gamma di creature mostruose.

AspettoModifica

Mara era un essere metà donna e metà polpo. La parte superiore del suo corpo era umana, tranne quattro tentacoli che le spuntavano dalla schiena, mentre la parte inferiore era di cefalopode. Aveva dei capelli neri mossi mediamente lunghi e un copricapo grigiastro a forma di Kraken. Ai polsi indossava dei braccialetti anch'essi grigiastri e portava dei rifiniti ornamenti che coprivano parte del seno e dell'addome.

PersonalitàModifica

Non si sa molto della personalità di Mara. Si può solo desumere che fosse crudele e senza scrupoli, oltre che bramosa di potere, avendo mille anni fa intrapreso una lotta contro gli altri Signori dei Titani per il controllo del mondo ed avendo portato avanti il suo progetto nuovamente in tempi recenti.

Poteri e abilitàModifica

In quanto Signora dei Titani, Mara poteva disporre di molte caratteristiche magiche e paranormali. Tra queste, ecco le principali.

  • Telecinesi: Utilizzata contro il Capitano Barba d'argento sulla Costa delle Spade. Quando questi cerca di attaccarla, Mara gli sfila di mano la sua spada con la forza del pensiero, dopodiché solleva dal suolo lo stesso pirata e lo infilza utilizzando la sua stessa arma.
  • Metamorfosi: Mara è in grado di tramutarsi in un gigantesco e mostruoso polpo, il Kraken, in grado persino di affondare un'intera nave grazie ai suoi tentacoli. La metamorfosi si interrompe se Mara diventa troppo debole.
  • Evocazione: La Signora dei Titani evoca una gran quantità di creature, principalmente Sommersi e Demoni della sabbia, affinché combattano al suo fianco.
  • Controllo della mente: La donna può controllare creature mostruose, quali il Leviatano, e asservirle ai propri comandi. Non è invece chiaro se la capacità funzioni anche sui suoi servi umani, oppure se la loro decisione di schierarsi al suo fianco sia dettata dal libero arbitrio.
  • Saette magiche: Nella battaglia finale contro l'Eroe senza nome, Mara spara dalle mani delle specie di pallottole infuocate contro il protagonista.
  •  Levitazione: Utilizzata sulla Costa delle Spade e nel Tempio dell'Acqua. Mara si solleva dal suolo fino ad alcuni metri.

Oltre a ciò, Mara era anche un'abile combattente corpo a corpo. Possedeva infatti una sua spada personalizzata, che ha utilizzato nello scontro finale con l'Eroe senza nome.

StoriaModifica

PassatoModifica

Millenni fa, Mara si ritrovò in conflitto con gli altri Signori dei Titani per il dominio del mondo.

Mille anni fa, i capi di quattro tribù indigene utilizzarono contro di lei gli artefatti che Mara stessa aveva donato loro, ma i quattro non si rivelarono abbastanza forti da sconfiggerla e furono dunque annienati, e ognuno di loro venne incatenato a una specifica maledizione.

Qualche tempo dopo gli Dei, stanchi di vedere i Signori dei Titani combattere tra loro, li imprigionarono per sempre, e con essi i loro Titani. Mara venne quindi sigillata nel Tempio dell'Acqua, situato nei mari del sud.

Poco prima degli eventi di Risen 2: Dark Waters, i quattro capitani pirata Barba d'argento, Crow, Garcia e Slayne penetrarono nel Tempio dell'Acqua per saccheggiarlo. Finirono però con il risvegliare Mara, oltre al ricevere una maledizione. Tutti e quattro i capitani (tranne Barba d'argento) scelsero poi di schierarsi con Mara.

Risen 2Modifica

CalderaModifica

Mara viene nominata per la prima volta a Caldera, nella Fortezza di Cristallo. Il Comandante Carlos si riferisce a lei come al più grande flagello dei mari del sud, oltre che a colei che controlla il Kraken. L'Eroe senza nome viene dunque inviato in missione segreta insieme a Patty per recuperare l'Arpione del Titano, che si dice in grado di uccidere il Kraken. In realtà, Mara stessa compare durante il prologo: come si scoprirà in seguito, infatti, lei stessa è il Kraken, ovvero l'essere che si vede affondare la nave che sta trasportando Patty.

Costa delle SpadeModifica

La prima comparsa ufficiale del personaggio è però sulla Costa delle Spade, dopo che l'Eroe senza nome ha ucciso il Titano della Terra: dapprima, sotto forma di Kraken, trascina negli abissi la nave del Capitano Barba d'argento, la Dama Barbuta, insieme a tutto l'equipaggio; dopodiché emerge dalle acque con le sue normali sembianze, e quando Barba d'argento, infuriato, si avventa a spada tratta su di lei, Mara, utilizzando i suoi poteri, solleva il leggendario pirata da terra e lo trafigge con la sua stessa spada. Quando vede avvicinarsi l'Eroe senza nome con l'Arpione del Titano, però, Mara preferisce ritirarsi.

Tempio dell'AcquaModifica

Dopo mille peripezie, l'Eroe senza nome riesce a raccogliere tutti e quattro gli artefatti di Mara e, avendo scoperto l'ubicazione del tempio della donna-polpo, vi si dirige. Prima di arrivarvi incontra però Mara tramutata in Kraken, che danneggia parzialmente la nave del protagonista, la Black Betty. L'Eroe riesce però a sconfiggere l'enorme cefalopode con l'ausilio dell'Arpione, ed è così che si scopre che Mara e il Kraken sono la stessa cosa, poiché ella, spossata, non è più in grado di mantenere la trasformazione e ritorna normale. La Signora dei Titani si dirige quindi al Tempio, inseguita dall'Eroe e dal suo equipaggio. Dopo aver sconfitto i guardiani del tempio (Leviatani e Sommersi), l'Eroe senza nome riesce ad impedire a Mara di riprendere le forze bevendo da una fontana magica, Inizia così lo scontro finale. Mara utilizza tutti i suoi poteri ed evoca persino degli alleati, ma l'Eroe senza nome riesce infine a prevalere. Dopo la sconfitta, Mara si tramuta in pietra, ma per non rischiare che si risvegli nuovamente in futuro, il protagonista rompe la statua, uccidendo la Signora dei Titani definitivamente.

CuriositàModifica

  • Nella religione buddista, Māra è un demone tentatore che rappresenta la morte e l'allontanamento dalla spiritualità.
  • Mara è una dea della mitologia lettone; nel folklore europeo è una creatura responsabile degli incubi, mentre nella tradizione bielorussa è il dio della morte.
  • È inoltre l'altro nome di Noemi, un personaggio della Bibbia.
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.